19 Agosto
Ritorna alla pagina principale del diario

Eccoci in azione.
Abbiamo appena superato il primo risalto del ghiacciaio.

Uno sguardo indietro, di tanto in tanto, é d'obbligo. Il panorama é superlativo ed il clima pare collaborare.

Il Campo 5 lo approntiamo a quota 6200 metri, su di un bel pianoro proprio alla base della piramide sommitale.

L'acquedotto...
Da una buca nella neve ci procuriamo acqua fresca la quale andrà però integrata con sali minerali.

Il trasferimento dal Campo 4 (mt. 5500) al Campo 5 (mt. 6200) avviene interamente su ghiacciaio ed abbiamo finalmente la possibilità di calzare i ramponi: non ne vedevamo l'ora!
Dopo un paio di balze un pò più ripide sbuchiamo su di un pianoro grande almeno quanto un campo di calcio. Non v'é dubbio alcuno che esso diventerà il nostro Campo 5 ma la quota (mt. 6200) si fa sentire parecchio, anche perché l'aereo che da Dheli ci riporterà in Europa non ci aspetterà di certo e questo ci obbliga a guadagnare quota ogni giorno senza poter lasciare all'organismo la possibilità di acclimatarsi.